BIBLIOTECA PierGiorgio Negro

Homepage Universita' di Parma

 

DIPARTIMENTO di LINGUE E LETTERATURE STRANIERE
BIBLIOTECA Pier Giorgio Negro

DIGITAL LIBRARY : Materiali antichi di Francofonia 

 

Félix e Léonore o i coloni infelici

La storia

Martin St.Pierre

 

STORIA DELLA SCHIAVITU' IN MARTINICA: link utili

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1a parte
Il signor di S. Firmin viene da una nobile famiglia dell’Auvergne e da molto giovane era entrato a far parte dell’esercito francese. Aveva combattuto con gran valore ma una volta abbandonata la carriera militare, resta con poco denaro da parte e la famiglia non è disposta ad aiutarlo. Sposa una giovane donna, anche lei senza fortuna, e vivono insieme tre anni in grande amore e serenità, fino a quando la signora di S. Firmin muore improvvisamente lasciando un figlioletto di nome Félix. Per mantenere suo figlio e trovare la forza di andare avanti per lui, il signor di S. Firmin riprende il suo esercizio militare fino a quando Félix compie 12 anni. Per far vivere bene il figlio, decide di andare a vivere in una colonia francese per amore della sua patria. La meta scelta Saint-Domingue posto in cui per i due è possibile condurre una vita semplice ma al contempo in tutto benessere. Ricevuta la pensione parte col figlio e un servo a lui fedele: Julien. I luoghi esotici piacciono molto alla famiglia di S. Firmin  e trovata una piana in cui costruire la propria abitazione, vi si stabiliscono insieme anche ai nuovi servi. Félix cresce coltivando i buoni valori trasmessigli dal padre e aiutando i servi nei vari compiti. Non riceve un grado d’istruzione molto elevato, per il signor di S. Firmin importante solo che si distingua dai servi. All’età di 17 anni comincia a cacciare e spesso si inoltra nella foresta facendo ritorno solo alla sera. Più volte va incontro a grossi pericoli da cui riesce a uscire sempre vittorioso. Un giorno inoltratosi molto in là nella foresta trova un uomo, abitante del luogo e lo segue finchè raggiunto, gli fa confessare la sua condizione: è un servo di una famiglia di coloni. Antonio (questo è il nome del servo), lo guida fino a casa dei suoi padroni. Con gran sorpresa capisce che sono solo due donne: la signora Supply e sua figlia Léonore che doveva avere all’incirca la sua età. Colpito dalla bellezza di Léonore e dalle buone maniere e gentilezza della signora Supply, Félix promette di far ritorno un altro giorno col padre in modo che le due famiglie si conoscano. Trasportato dai buoni sentimenti del figlio e curioso di conoscere due donne dal così nobile animo, il signor di S. Firmin si reca col figlio nella tenuta della signora Supply. Le due famiglie si trovano in così comune accordo che è come se formassero già un’unica grande famiglia. Si promettono di rivedersi e di passare insieme altre splendide giornate. I due giovani si innamorano e trascorrono insieme molto tempo. Intanto però c'è un altro corteggiatore della bella Léonore: il signor Godefroy. Non è una persona piacevole e benché sia benestante e abbia delle buone maniere, Léonore è disgustata dalla sua presenza, come se sapesse che non ha buone intenzioni nei suoi riguardi. Un giorno il signor Godefroy si dichiara alla giovane lasciandole uno scrigno con un prezioso gioiello e una lettera. Léonore confessa tutto al giovane Félix, che amareggiato aspetta la prossima visita del corteggiatore. Il momento arriva e tra i due c’è uno scontro verbale. Il signor Godefroy se ne va promettendo a sé stesso di vendicarsi. Félix turbato dai modi del rivale, capisce che deve fare di tutto per proteggere le due donne. Torna dal padre per meditare su una possibile soluzione. Intanto all’alba del giorno dopo, prima che Félix riesca a ritornare a casa della signora Supply, il signor Godefroy si vendica dell’affronto aggredendo la signora Supply e rapendo la giovane Léonore. Félix preoccupato si reca dalle due donne e trova una situazione disastrosa. Col suo cavallo percorre tutte le strade fino a quando dopo una ricerca disperata riesce a raggiungere il suo rivale. I due si battono e alla fine ha la meglio Félix che decide di risparmiare la vita al suo avversario. I giovani innamorati tornano a casa e le due famiglie si preparano per riunire le due case e permettere a questa grande famiglia di vivere in assoluta serenità e gioia.


2a parte
La tenuta del signor di S. Firmin è in festa. Vengono organizzati dei giochi in cui gli sfidanti devono dimostrare la loro forza, astuzia e abilità. Félix è il vincitore di tutti i giochi e sarà Léonore a premiarlo con delle corone di fiori. Félix si batte con difficoltà in un duello con Jeannet, uno dei suoi servi, il più ribelle e ostile ai suoi padroni. Vince lealmente ma non senza lasciare in Jeannet un grande astio nei suoi confronti. Jeannet medita vendetta. In quei giorni Julien si reca al Cap e si trova davanti uno spettacolo terribile: in Francia è scoppiata la rivoluzione francese e gli ideali di uguaglianza, libertà e fraternità diventano possenti strumenti nelle mani degli schiavi neri. L’atmosfera è di grande confusione: i neri vogliono battersi contro i coloni che li hanno schiavizzati, i coloni sono terrorizzati e temono per la loro sorte. Il signor di S. Firmin è molto preoccupato per la sua patria e per il destino di suo figlio. Félix si reca al Cap e là viene preso di mira dai neri perché per salvare un colono, muore un altro uomo e viene accusato di omicidio. Incarcerato condannato a morte. Viene salvato per da Léonore che gli procura degli utensili per favorirgli la fuga. Fèlix torna a casa e può riabbracciare il padre quasi morente per la paura di aver perso suo figlio per sempre. Intanto nella tenuta della signora Supply i neri portano avanti la loro vendetta e cercano di ammazzare le due donne. Félix allarmato da Antonio, va in soccorso ma arriva tardi: la signora Supply è morta mentre Léonore sta quasi per essere uccisa. Riesce a salvarla ma la ragazza è sotto shock e lo rimane per molto tempo. Viene curata dall’amore di Félix e suo padre e si riprenderà bene. Ma la situazione si aggrava quando anche i servi del signor di S. Firmin scappano per rivendicare i loro diritti. È un periodo difficile per tutti i coloni. Un giorno mentre Félix si trova nella foresta vede dei coloni scappare e li porta a casa sua. Decide insieme al padre di riunire tutti i coloni che a causa dello scontro con i neri avevano perso famiglia e abitazione. Per un po’ di tempo la tenuta dei S. Firmin è un luogo sicuro ma nei dintorni vengono avvistati dei neri. Lo scontro è immediato. Tra i neri c'è anche Jeannet che con la sua forza uccide più coloni tra cui anche il signor di S. Firmin. Félix disperato forma una squadra di valenti coloni e vuole vendicare i suoi cari e quanti erano morti ingiustamente. Prima però vuole sposare Léonore. Al momento della cerimonia, i neri avanzano e si scagliano contro i coloni. Félix riuscirà ad uccidere Jeannet e a mettere in salvo Léonore. Con gli altri coloni prendono la decisione di spostarsi da quelle zone e di andare presso Port-au-Prince. Nel cammino vengono aggrediti nuovamente e Félix e Léonore si mettono in salvo su una barca, salpando verso il mare aperto. Passeranno dei giorni infernali, senza cibo e acqua quasi morenti. Fortunatamente Félix avvista una nave inglese che li salverà. Viene riconosciuto il merito del padre come valente soldato e a Félix viene consegnata una buona somma di denaro oltre a un possedimento terriero presso il Connecticut. Là formerà la sua famiglia con Léonore in tutta serenità e amore.

riassunto di Alessandra Diana